Sono in tutto 9 i destinatari di misure cautelari nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Napoli sugli appalti per l’affidamento del servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti nei comuni di Lacco Ameno e Forio d’Ischia, sull’isola d’Ischia, e di Monte di Procida, in provincia di Napoli. Tra questi spiccano Domenico De Siano, già consigliere regionale e provinciale, senatore di Forza Italia e coordinatore regionale del partito in Campania, per il quale il gip ha disposto la sospensione dell’esecuzione degli arresti domiciliari trasmettendo la richiesta di autorizzazione all’arresto alla Presidenza del Senato, e Francesco Iannuzzi, già sindaco di Monte di Procida, per il quale è stato disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Ai domiciliari anche Oscar Rumolo, responsabile finanziario del Comune di Lacco Ameno, e Vittorio Ciummo, imprenditore titolare della società Ego Eco srl. Obbligo di presentazione anche per Salvatore Antifono, già consigliere comunale di Torre del Greco, Vincenzo Rando, responsabile Ragioneria del Comune di Foria, Giulia di Matteo, segretario generale del Comune di Monte di Procida ed ex segretario generale del Comune di Lacco Ameno, il legale rappresentante della società Cite Carmine Gallo e un dipendente della stessa società, Carlo Savoia.

Nell’inchiesta sulla presunta collusione di interessi tra imprenditori e politici che ha portato il gip di Napoli Claudia Picciotti ad inviare una richiesta di arresto per il senatore Domenico De Siano (Forza Italia) emerge un aspetto riguardante la possibilita’ di assumere, a tempo determinato o indeterminato, lavoratori nelle imprese degli imprenditori ‘amici’, che vincono o ottengono appalti illecitamente, segnalati dai politici. Ed e’ proprio su una vicenda specifica, che riguarda un dipendente della Ego Eco di Vittorio Ciummo, uno dei destinatari del provvedimento del gip, che affiora, scrive il giudice, “l’interesse di Luigi Cesaro (all’epoca dei fatti presidente della Provincia) per l’assunzione” di questi, “confermando inoltre l’esistenza di un vincolo moto forte tra lo stesso Cesaro, De Siano e Rummolo”. Il gip Picciotti su questo punto rimanda anche “alla ricostruzione degli avvenimenti occorsi in occasione delle elezioni del congresso provinciale del Pdl nel marzo 2012”, quando emerge “l’indefessa opera di procacciamento di tesserati – anche falsi o oggetto di compravendita – al fine di far apparire la corrente del Cesaro la piu’ votata all’interno del partito Pdl, con la conseguente assunzione di posizione predominante nella predisposizione delle liste elettorali, basate sul sistema delle liste bloccate”. Cesaro, tra l’altro, viene intercettato casualmente mentre vengono ascoltate conversazioni di altri indagati. “Ho appreso da poche ore dell’esistenza di un’indagine che mi riguarderebbe: non conosco gli esatti termini della questione non essendo stato destinatario di alcuna misura. Sono, in ogni caso, assolutamente sereno, certo di aver sempre agito nella massima correttezza politica e istituzionale. Resto sempre fiducioso nell’operato della magistratura, nella convinzione che presto si chiarirà tutto”: ha affermato Luigi Cesaro, parlamentare di Forza Italia.

Domenico De Siano, senatore di Forza Italia destinatario della misura cautelare agli arresti domiciliari disposta dal gip di Napoli che ha trasmesso gli atti al Senato, rinuncia all’immunità parlamentare. Lo annuncia in una nota nella quale spiega di non aver ancora ricevuto gli atti e di non conoscere “nello specifico gli addebiti”. “So però – aggiunge – che ho sempre ispirato il mio comportamento politico e istituzionale alla massima correttezza e per questo sono sereno e confido, come sempre, nel doveroso lavoro della magistratura, inquirente e giudicante, verso cui nutro piena e assoluta fiducia”.De Siano rimette “immediatamente nelle mani del presidente Berlusconi l’incarico di coordinatore regionale del partito” perché “non voglio in alcun modo che la mia vicenda possa essere oggetto di strumentalizzazione politica e danneggiare Forza Italia. Rinuncio a qualsiasi prerogativa parlamentare per poter essere giudicato, spero nei tempi più rapidi possibili, da cittadino comune”, conclude.

Redazione Cronache della Campania