Cosentino: “Presunto agente dei servizi segreti chiese soldi per evitare il carcere”

Nel febbraio 2013 Nicola Cosentino, quando era ancora parlamentare e già destinatario di due ordinanze in carcere, incontrò un presunto agente dei servizi segreti che gli prospettò la possibilità, dietro il pagamento di una somma di danaro, di costituirsi in una struttura sanitaria invece che in un penitenziario. L'ex sottosegretario però non accettò e un […]

Contenuti Sponsorizzati