Capri. Corruzione: revocata l’ordinanza cautelare all’imprenditore Verardi. La sesta sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso presentato degli avvocati Claudio D’Aniello e Giuseppe Fusco, difensori dell’imprenditore Francesco Giuliano Verardi, che era stato destinatario della misura cautelare dell’ obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Il pm della Procura di Napoli John Woodcock aveva chiesto e ottenuto 4 misure cautelari nell’ ambito dell’ inchiesta su presunti episodi di corruzione che vedono coinvolti un componente dell’ufficio tecnico comunale, l’ex Comandante della stazione dei carabinieri di Capri, l’ex vicecomandante della Guardia di finanza di Capri e l’imprenditore Verardi. Per quest’ultimo la Procura aveva chiesto gli arresti domiciliari ma il gip Ludovica Mancini aveva concesso solo l’obbligo di firma. La Cassazione, accogliendo la richiesta dei difensori di Verardi, ha annullato senza rinvio sia la misura cautelare del 30 ottobre 2015 che la successiva ordinanza del Tribunale del Riesame di Napoli che aveva confermato l’ordinanza iniziale, ed ha ritenuto illegittimi entrambi i provvedimenti. Restano ancora sospese le decisioni del Tribunale del Riesame sull’ appello presentato dalla Procura, che aveva chiesto per alcuni indagati la custodia in carcere e per altri gli arresti domiciliari.

Contenuti Sponsorizzati