Castellammare: le angosce del Pd sul candidato sindaco. Spuntano i nomi di Amato, Di Nocera e Pannullo

Castellammare ancora un nulla di fatto per il candidato a sindaco del Partito Democratico. Passata la Pasqua non c’è ancora il nome su cui provare la scalata a Palazzo Farnese. Nessun passo avanti ma neanche nessun passo indietro da più di un mese i nomi in campo sono sempre gli stessi Nicola Corrado per l’area cozzoliniana in accordo con i casilliani Rosanna Esposito, Gennaro Iovino e Francesco Iovino e l’ok dell’ex consigliere Giuseppe Amato che proverà a lanciare nell’agone nuovamente la figlia l’ex assessore,poi defenestrata da Cuomo, Giuseppina Amato, che in questa tornata potrebbe far coppia con un fedelissimo proprio di Corrado , Rodolfo Ostrifate. Spingono i riformisti che fanno capo all’europarlamentare Massimo Paolucci per una candidatura di Anna Paola Mormone che per ora da buona runner sembra preferire le corse mattutine alla poltrona di Palazzo Farnese. Bocche cucite tra i sostenitori stabiesi del parlamentare Leonardo Impegno e delle consigliere regionali Antonietta Ciaramella e Enza Amato  che  preferiscono il silenzio, in questo campo dell’infinita galassia democratica, la partita potrebbe giocarsi tra la dirigente scolastica Eleonora Di Nocera e l’avvocato Antonio Pannullo. Resta in campo per i fedelissimi del consigliere regionale Lello Topo e della deputata Giovanna Palma il nome dell’avvocato Umberto Ostieri caldeggiato dall’ex capogruppo del Pd Michele Migliardi e dall’ex presidente del partito Marco De Fusco. In panchina i big e i saggi democratici è tutto uno sgomitare tra gli attuali quarantenni e i cinquantenni . Silente Idv che in cuor proprio sogna una candidatura unitaria con Nello Di Nardo. Ferma anche Sinistra e Libertà dell’ex sindaco Salvatore Vozza e del segretario regionale Tonino Scala . Dopo una prima uscita pubblica al Supercinema  per tastare il polso all’elettorato e alla città Sinistra e Libertà riflette sul da farsi: tentare la corsa solitaria o allearsi con il Pd? Un interrogativo tutto da sciogliere . Gli uomini più vicini a Vozza non si sbottonano sulla candidatura dell’ex sindaco che a più di una persona , in questi giorni , è apparso pensieroso.  Quasi sicuramente il voto è previsto per domenica 5 giugno – con turno di ballottaggio il 19 giugno .  La data, non ancora ufficiale, sarà resa nota, a quanto si apprende, nel corso di questa settimana con un decreto del ministro dell’Interno anche perché, secondo la normativa vigente, c’è tempo solo fino al prossimo 11 aprile per decidere. Intanto il 6 Aprile Renzi sarà a Napoli per la questione Bagnoli qualcuno a Castellammare spera che prima dell’arrivo del segretario la città possa avere il suo candidato a sindaco per il centro sinistra .

 Girolamo Serrapica