Aveva acceso una sigaretta mentre si sottoponeva a una terapia di ossigeno: un paziente dell’ospedale Cotugno si è ustionato ed è morto. La notizia risale ad alcuni giorni fa, ma si è appresa solo oggi. Secondo la direzione sanitaria, l’uomo, un quarantenne, era ricoverato da tempo per gravi patologie. Durante una visita dei familiari, il paziente ha rubato un pacchetto di sigarette ad uno di loro e lo ha nascosto. Terminata la visita, nonostante stesse inalando ossigeno, che com’è noto è altamente infiammabile, l’uomo ha acceso una sigaretta. Sono divampate le fiamme che lo hanno ustionato al volto e al torace. È stato soccorso dal personale sanitario ma è morto alcuni giorni dopo. La procura ha aperto un’inchiesta.

Redazione Cronache della Campania