Napoli, Primarie Iacone non si può invalidare il voto

Abbiamo cercato di entrare nel merito dei rilievi, ma di salvaguardare il voto complessivo dei trentamila elettori”. Così Giovanni Iacone, presidente della commissione di garanzia per le primarie del centrosinistra che ha bocciato il secondo ricorso presentato da Antonio Bassolino. “A Napoli non ci sono stati brogli – ha aggiunto Iacone incontrando i giornalisti dopo oltre cinque ore di lavori – anche nelle elezioni, non delle primarie, si sanziona chi ha commesso degli illeciti, ma non si invalida il voto. Occorre fare ogni sforzo perché il Pd si presenti unito anche perché tutti i candidati si erano impegnati a rispettare i risultati delle primarie. Occorre fare ogni sforzo – ha ribadito – affinché si resti uniti e si porti la coalizione a vincere questa competizione elettorale. Il nostro compito era ragionare sul ricorso presentato. Anche se si fossero applicate le norme generali, pure per le primarie, non sarebbero stati invalidati i voti dei seggi – ha spiegato ancora Iacone – spero si superi questa fare di confronto e di scontro” rispettando “i protagonisti della vicenda e la loro storia”. Il presidente ha poi sottolineato che occorre rispettare “l’organizzazione complessa delle primarie e che non venga messa in discussione per cose dell’ultimo minuto. Mi auguro – ha concluso – che si possa trovare tutti insieme una soluzione”.

Articolo precedenteNapoli, primarie bocciato ricorso di Antonio Bassolino
Articolo successivoDon Patriciello a Renzi: “Per la Terra dei Fuochi si è fatto ancora poco”