Un ragazzino di 11 anni è ricoverato da ieri pomeriggio in gravi condizioni all’ospedale Santobono di Napoli perchè ferito al collo da un “piombino” esploso da un’arma giocattolo ad aria compressa mentre si intratteneva nel cortile di casa con un altro bambino. Un pericolossimo gioco che stava per trasformarsi in tragedia. E’ accaduto nel quartieri di Ponticelli. Il ragazzino è stato portato in ambulanza, chiamata dai suoi stessi genitori, prima alla vicina Villa Betania e poi all’ospedale pediatrico specialistico Santobono di Napoli dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Sul posto della tragedia sfiorata sono poi arrivate due volanti del commissariato di Ponticelli che hanno interrogato i testimoni ed effettuato un sopralluogo nel cortile. Da una prima ricostruzione, pare che il bimbo giocasse insieme ad un coetaneo che imbracciava un fucile ad aria compressa. Ad un certo punto sarebbe partito un colpo che ha raggiunto il collo della vittima e l’ha ferita gravemente. I genitori del piccolo ferito ora rischiano anche una denuncia.

Redazione Cronache della Campania