Il Tribunale per i Diritti del Malato denuncia lo scandalo del nuovo blocco operatorio dell’ospedale San Paolo mai aperto

Risonanze e Tac che lavorano poche ore al giorno o sono rotte. Reparti nuovi ma mai aperti o sottoutilizzati. Dispositivi non adatti alle esigenze dei pazienti, personale sanitario costretto a turni di lavoro massacranti o in trasferta con costi aggiuntivi per le aziende sanitarie, burocrazia costosa e che ostacola il percorso di cura dei pazienti. […]

Articolo precedenteSgominata la banda dei corrieri africani della droga: 12 arresti della Finanza
Articolo successivoCasalnuovo: poliziotto fuori servizio sventa rapina alle poste e blocca un bandito