Castellammare: Vozza si presenta con un autogol: “Voglio una città industriale e non turistica”

Come aveva lasciato presagire, l’ex sindaco stabiese Salvatore Vozza ha annunciato la sua candidatura. In un Supercinema “appena” riempito, dopo le varie presentazioni, Vozza ha conquistato il palco ed ha subito detto: 2Senza indugi e senza inciuci, scendo in campo e mi candido a sindaco”. La platea ha accolto il messaggio con un applauso. Dure parole all’indirizzo delle precedenti amministrazioni, non sottraendo, nel discorso, nemmeno il suo operato: “Anche io ho le mie colpe se la città è in queste condizioni, non posso sottrarmi, è la realtà”. Questo, in sostanza, ciò che ha detto il candidato della sinistra stabiese. Sinistra che però ha deciso di correre in questa tornata elettorale senza simboli e senza ideologie, anche se, ascoltando i bene informati e chi ha seguito con interesse il passato politico di Vozza, ha tenuto a sottolinere che nonostante sia “invecchiato”, non è cambiato per niente, è sempre lo stesso. Un vero e proprio assist ai nemici politici che sono già pronti ad “impallinarlo” durante la campagna elettorale. E visto che in sala era presente il dottore Giovanni Tommasino che si dice sia il vero regista della nuova discesa in campo di Vozza civico e senza partiti, in molti sono pronti a ricordargli il  “caso Tommasino” sotto la sua amministrazione. Tornando al discorso di campagna elettorale del “Salvatore” stabiese, qualche mente fine è “balzata” dalla sedia quando il candidato, in pieno fervore discorsivo, ha detto: “Voi sapete bene che io voglio una città industriale e non turistica”. Un po anacronistica per non dire fuori dal contesto attuale della città questa sua affermazione.  In effetti, guardando la platea, era ben chiaro che Vozza si stava rivolgendo agli ex lavoratori dell’Avis (che hanno tenuto in vita con le ripetute incursioni in consiglio comunale la passata amministrazione Cuomo), oppure ai lavoratori Fincantieri. In effetti, di imprenditori in sala ce n’erano ben pochi. Tra i punti snocciolati nel discorso quindi sono tanti i motivi che hanno spinto Salvatore Vozza alla candidatura, ma tra i tanti, forse, ci sono quelli che per il momento non ha ancora toccato, e per meglio dire, Housing sociale, Marina di Stabia, lungomare, Terme; Tutto questo però dimenticando Multiservizi, Asam, Crowne Plaza,lo stesso scempio di Marina di Stabia, ex Avis, Ferrovia, e tanto, ma tanto altro ancora, che gli stabiesi pagano a a caro prezzo ogni giorno della loro vita.

 Girolamo Serrapica