Soccavo-Pianura: seviziarono e uccisero un affiliato per un’estorsione “sbagliata”, la Cassazione conferma l’arresto dei ras Basso e Scognamiglio

Una nuova ordinanza di custodia cautelare ha colpito in carcere i di Pianura e Soccavo, Diego Basso e Antonio Scognamiglio, ritenuti responsabili dell'omicidio di Francesco Esposito avvenuto  il 17 settembre del 2001. Lo ha deciso ieri la Corte di Cassazione che ha anche accolto la richiesta di non colpevolezza di Gaetano Lazzaro. Fu il killer pentito […]

Articolo precedenteLa “Strage delle Fontanelle” decisa da due clan. E’ caccia ai basisti. I “Barbuti” scomparsi dalla Sanità
Articolo successivoCirca 70 anni di carcere per i quattro fedelissimi del boss latitante Umberto Accurso