Bracigliano: abusi su una minore, arrestato pensionato 79enne

«Zia, quel signore ha fatto cose strane»: la denuncia di una bambina ha fatto scattare l’allarme per un caso di pedofilia e l’arresto di un anziano di 79 anni. Una domenica concitata quella di due famiglie di Bracigliano, culminata con l’arresto – ai domiciliari – di un pensionato di 79 anni accusato di violenza sessuale ai danni di una minorenne con problemi di apprendimento. I carabinieri di Bracigliano si sono trovati alle prese con la denuncia di una donna, la zia della presunta vittima, alla quale la bambina ha raccontato uno strano episodio avvenuto poco prima, nei pressi della sua abitazione. La ragazzina ha raccontato degli strani atteggiamenti nei suoi confronti di un anziano che conosceva e delle forme di esibizionismo sessuale messe in atto dall’uomo. In preda al panico per quanto accaduto la presunta vittima è corsa a raccontare quanto era accaduto alla zia e subito la donna ha allertato le forze dell’ordine. Dopo aver ascoltato la testimonianza della signora e raccolto i primi elementi, i militari hanno allertato il sostituto procuratore di turno, Ernesto Caggiano. Gli elementi raccolti nel corso di poche ore di indagini sono stati sufficienti per il magistrato per dare l’ordine di arrestare in flagranza di reato il 79enne pensionato. Nella tarda serata di domenica, l’uomo si è visto presentare in casa i carabinieri che lo hanno arrestato e posto ai domiciliari in attesa della convalida del fermo che avverrà stamane dinanzi al Gip, Giovanna Pacifico, del Tribunale di Nocera Inferiore. Il 79enne, assistito dall’avvocato Giovanni Gioia, dovrà difendersi dall’accusa di violenza sessuale – seppure nelle forme più lievi delle molestie – accuse dalle quali il pensionato di Bracigliano dovrà difendersi, fornendo la sua versione su quanto accaduto domenica scorsa. L’uomo, secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbe incontrato la ragazzina e avrebbe fatto delle avances con atti di esibizionismo che hanno spaventato la minorenne che è corsa ad avvisare la zia che era nelle vicinanze. Una vicenda tutta da chiarire che passerà al vaglio del Giudice per le indagini preliminari, Giovanna Pacifico, stamane. Il giudice dovrà decidere se accogliere la richiesta di convalida dell’arresto promossa dal pubblico ministero. Inoltre, sono state delegate nuove e ulteriori indagini ai carabinieri che hanno raccolto la prima denuncia. Non è escluso che la minore, vittima degli abusi, venga sentita in audizione protetta nei prossimi giorni per verificare la veridicità di quanto ha raccontato in un momento di grande paura e tensione subito dopo l’episodio avvenuto domenica scorsa. Il 79enne pende la grave accusa di violenza sessuale e un arresto in flagranza di reato. Naturalmente solo le indagini in corso, molto delicate, potranno chiarire se sussistano reali responsabilità a carico dell’anziano. (ro.fe.)