A Vietri per vendere cocaina: in manette lo scafatese Salvatore Annarumma, fratello dell’ex boss Luigi, marito di Tatiana Imparato

Era andato in Costiera Amalfitana per piazzare la cocaina già preparata in dosi. Ma non aveva fatto i conti con i carabinieri della compagnia di Castellammare che lo hanno seguito da sant’Antonio Abate dove era partito fino a Vietri sul Mare. E così è finito in manette lo scafatese Salvatore Annarumma, 44 anni, con numerosi precedenti alle spalle. I militari gli hanno trovato addosso dieci dosi già confezionate. Probabilmente aveva appuntamento con i clienti ma i carabinieri lo hanno bloccato prima e arrestato. Dopo il rito direttissimo ha avuto gli arresti domicliari. Salvatore Annarumma è il fratello dell’ex boss di Scafati, Luigi, temutissimo negli anni Novanta per il suo matrimonio con Tatiana Imparato, figlia del defunto capoclan stabiese Umberto Mario che aveva scatenato la sanguinosa faida contro i D’Alessandro. I due oramai sono lantani da Scafati dalla fine degli anni Novatanta dopo che Luigi aveva finito di scontare una condanna per estorsione.