Corruzione elettorale a Napoli: perquisite le abitazioni di due candidate del Pd

Napoli. Voti in cambio di promesse di inserimento nel programma lavorativo Garanzia Giovani: perquisite le abitazione e le sedi dei comitati elettorali di due esponenti del Pd.

Indagate¬†dalla Procura di¬†Napoli¬†Anna Ulleto, detta Lea, che ha ottenuto 2263 voti per il consiglio comunale, e Rosaria Giugliano, candidata alla seconda municipalit√† (in cui rientrano i quartieri Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pendino, Porto, San Giuseppe), dove aveva ottenuto 297 voti. L’inchiesta √® coordinata dal procuratore aggiunto di Napoli¬†Alfonso D’Avino, della sezione reati contro la Pubblica amministrazione, e condotta dal pm Francesco Raffaele. L’ipotesi investigativa √® che¬†le candidate¬†possano aver acquisito voti in cambio di promesse di inserimento nel programma lavorativo Garanzia Giovani, finanziato dalla Regione. Il decreto di perquisizione emesso dalla Procura di Napoli √® stato eseguito dai carabinieri nelle abitazioni e nelle sedi dei comitati elettorali: l’ipotesi di reato √® corruzione elettorale.¬†“Se saranno riscontrati i fatti su¬†Napoli¬†riportati dalle agenzie di stampa, il Pd sarebbe parte lesa rispetto a certi comportamenti. Auspico che la magistratura faccia il pi√Ļ presto possibile chiarezza su una vicenda che, se provata, va condannata e punita senza se e senza ma” ha detto Debora Serracchiani, vice segretario del Pd.

“Non c’√® stata alcuna perquisizione nella sede del Pd provinciale di¬†Napoli” ha detto detto Venanzio Carpentieri subito dopo che erano state diffuse le prime notizie sulle perquisizioni. Il segretario provinciale del Pd metropolitano di¬†Napoli¬†ha aggiunto: “I nostri dipendenti sono stati presenti in sede da stamattina fino alle 20 di stasera – spiega – e non √® c’√® stata alcuna perquisizione. Ovviamente, da parte nostra c’√® la massima disponibilit√† a collaborare con gli inquirenti nell’accertamento di eventuali illeciti”.

L’inchiesta getta ulteriore benzina sul fuoco delle polemiche e delle tensioni, che gi√† stamane erano state accese dalla pubblicazione di un video del sito Fanpage.it. Il video, realizzato da alcuni giornalisti con telecamere nascoste nei pressi dei seggi in diverse zone di¬†Napoli,¬†mostra persone che entrano ed escono da un Caf con la scheda elettorale in mano, presunti passaggi di banconote e materiale elettorale a poca distanza dai seggi, liste di nomi in mano a persone che attendono gli elettori. Gi√† dopo le primarie del centrosinistra un video di Fanpage aveva scatenato enormi polemiche, mostrando la distribuzione dell’euro per votare. E le tensioni ripartono in vista del ballottaggio tra de Magistris e Lettieri. “Sono immagini inaccettabili, √® una vergogna, uno squallore per il mandante e per gli esecutori, ma il 19 vinceremo anche contro la teppaglia e chi utilizza in politica metodi camorristici”, dice infatti il sindaco uscente commentando il video. De Magistris si appella anche al prefetto a cui chiede “garanzie affinch√© il voto sia pulito” e poi si rivolge direttamente a chi tenta di ‘comprare’ i voti: “Fujtevenne ¬†– dice – perch√® dal 19 giugno¬†Napoli¬†sar√† liberata anche da chi pensa di poter comprare i napoletani”, ironizzando poi sul video post primarie: “Fare questo porta male, basta pensare all’euro di Tonino Borriello, che non √® stato rieletto”. Ma anche il suo avversario, Gianni Lettieri, va all’attacco, ricordando che “sto chiedendo da mesi al prefetto di aumentare la vigilanza all’esterno dei seggi” e parlando di “flusso anomalo del voto in periferia”. Lettieri sente al telefono il prefetto e il ministro Alfano per sollecitare massima attenzione in vista del ballottaggio. “Sono seggi precisi quelli dove √® stato girato il video – conclude – e in oltre il 50 per cento di quei seggi de Magistris ha vinto”. I Verdi, schierati con de Magistris, confermano invece pressioni sul voto all’esterno di un seggio della zona di Santa Lucia.

Articolo precedenteL’imprenditore Ciro Bernardi uomo del clan Contini: scatta il sequestro di beni e conti correnti
Articolo successivoTerra dei fuochi: muore Enza Esposito, 21enne di Frattamaggiore. La denuncia di don Maurizio Patriciello