Terrore a Mergellina: minaccia di far saltare il palazzo con 14 bombole del gas e poi si suicida

 Terrore a Mergellina dove un uomo di 61 anni ha prima minacciato di far saltare in aria l’intero palazzo dove abitava al corso Vittorio Emanuele con ben 14 bombole del gas e otto taniche di benzina e poi si è suicidato. La vittima si chiamava Massimo Chiariello, ex dipendente delle Ferrovie dello Stato in pensione. Sono stati i vicini ad avvertire i vigili del fuoco e la polizia e far scattare l’allarme dopo che l’uomo dal suo balcone al terzo piano dell’edificio ad angolo sul parcheggio della Metropolitana di Mergellina ha cominciato ad urlare minacciando di far saltare in aria l’intero palazzo. Quando sono arrivati gli artificieri e i vigili sul posto hanno deciso subito di intervenire perché l’uomo dopo la “sfuriata” non dava più segnali. I poliziotti e i vigili hanno capito che l’uomo era da solo in casa e dopo aver fatto sgomberare il palazzo hanno deciso di intervenire. E’ stato solo per caso che non c’è stata la strage perché Massimo Chiariello nel suo momento di follia aveva dimenticato di chiudere il balcone per cui nonostante avesse aperto le bombole del gas l’ambiente non si è saturato e non c’è stato alcun innesco che avrebbe fatto saltare in aria l’intero palazzo. Gli artificieri infatti hanno trovato ben 14 bombole di gas tutte aperte e otto taniche di benzina. Lui invece era nel salotto chiuso ermeticamente. E’ stato trovato senza vita. Ora gli investigatori, attraverso i familiari stanno cercando di ricostruire il motivo del folle gesto del pensionato che ha gettato nel panico per alcune ore la zona di Mergellina.