Pompei, cantieri aperti per assistere al restauro della Casa della caccia antica: turisti estasiati

Pompei. E’ una rivoluzione nella storia di Pompei antica quella voluta dal direttore Massimo Osanna: i turisti invece di trovare cartelli e teli per i tesori in ristrutturazione potranno assistere al lavoro dei restauratori. Per la prima volta, infatti, il restauro delle antiche domus √® aperto ai visitatori. La ‘Casa della caccia antica’ nella Regio VIII Insula IV dove sono in corso il restauro di affreschi e mosaici √® diventata una delle attrazioni pi√Ļ viste degli Scavi in questo periodo. Turisti curiosi assistono alle fasi del restauro che sta effettuando un team di esperte donne. I visitatori possono tranquillamente fotografare le¬†dieci studiose che stanno restaurando affreschi e il pavimento mosaico che decora il tablinium.¬†Un intervento difficile a causa del degrado in cui versa la domus. Ogni intervento √® seguito da un docente restauratore e da un team composto da un archeologo e da esperti di diagnostica. La domus dovrebbe essere pronta per il prossimo 20 ottobre e viene restaurata con i fondi del Grande Progetto Pompei.¬†Alle domus lasciate fuori dai fondi del ¬ęGrande Progetto Pompei¬Ľ, ma che necessitano di un restauro urgente, pensano, gli studenti dell’universit√† degli studi di Torino e del centro conservazione e restauro ¬ęLa Venaria Reale¬Ľ con il quale la Soprintendenza ha fatto una convenzione triennale. La collaborazione tra i tre enti include, il restauro di una ampia serie di reperti rinvenuti nel corso dei lavori di scavo¬†che¬†si trovano gi√† nei laboratori di restauro della ¬ęVenaria¬Ľ. Tra questi ci sono numerosi vasi in bronzo, provenienti dalle ricche mense pompeiane, gli affreschi, strappati e collocati su pannelli di cemento, del tempio di ¬ęApollo¬Ľ, ma anche le statue del ¬ęSatiro¬Ľ e di ¬ęParide¬Ľ, che facevano parte dell’arredo della casa dei ¬ęVettii¬Ľ e che¬†sono ridotte in frammenti incompleti. Oltre all’intervento di restauro sulle opere, il progetto prevede la possibilit√† di realizzare una ricostruzione virtuale delle statue e il ricollocamento di copie nella casa¬†dove erano anticamente esposte.

Articolo precedenteNapoli, nuovo messaggio del Cardinale Sepe ai camorristi: “I mercanti di morte non prevarranno”
Articolo successivoPompei, turista americano denunciato per danneggiamento al patrimonio archeologico