Speculazioni edilizie per il clan Polverino: condannati i Simeoli e i complici

Arriva il verdetto di primo grado in merito all’inchiesta bis sulla specula- zione edilizia in una vasta area di Marano, che aveva giaĚ€ por- tato il 23 ottobre 2013 all’emissione di misure cautelari, ha dato agli inquirenti della Dda e ai carabinieri del Nucleo investigativo altre certezze sui rapporti tra il clan e i colletti bianchi napoletani. Come riporta Il Roma l’altro pomeriggio eĚ€ arrivata la sentenza di primo grado per quello che eĚ€ ritenuto dalla pubblica accusa il braccio imprenditoriale del clan Polverino: Antonio Simeoli detto “Ciaulone”, con il quale lavoravano fianco a fianco i figli Luigi e Benedetto. Quasi un secolo di carcere totale per gli 11 imputati. Tra le pene piuĚ€ alte quelle inflitte proprio ad Antonio Simeoli, 15 anni e a Benedetto e Luigi Simeoli: 25 anni in due. Un’inchiesta dalla doppia conseguenza: 10 indagati, tra i quali 3 professionisti e altrettanti impiegati comunali di Marano, e la conferma del sequestro di quote societarie. Sulla vicenda c’eĚ€ l’ombra, scrivevano i magistrati, del padrino detenuto Giuseppe Polverino “’o barone”, il ras che da latitante conduceva una vita dorata in Spagna e gestiva la cosca imponendo le direttive da seguire anche per poter gestire al meglio economicamente la cosca. Il gruppo di malavita utilizzava come prestanome, secondo l’accusa, l’imprenditore edile Felice Di Iorio.

LA SENTENZA

SIMEOLI Antonio 15 anni

SIMEOLI Benedetto 14 anni

SIMEOLI Luigi 11 anni

NAPOLITANO Angelo 1 anno e 8 mesi

DI IORIO Felice 1 anno e 2 mesi

GRAZIANO Antonio 1 anno e 1 mese

CHIAROLANZA Ferdinando 1 anno e 10 mesi

CAPASSO Angelo 1 anno e 8 mesi

CONTINO Carlo 1 anno e 6 mesi

SIMEOLI Domenico 1 anno

BOSCO CASTRESE 1 anno

Articolo precedenteMancheranno i tifosi della Roma ma al San Paolo ci sarĂ  il tutto esaurito
Articolo successivoMaledizione Napoli, rottura del legamento crociato per Milik: fermo molti mesi