Camorra, il baby boss Ciro Contini “graziato”: per lui solo 4 anni di carcere

Da 16 anni d carcere aĀ  soli 4 anni di reclusione. “Salvato” dal suo difensore l’ultimo baby boss dei Sibillo, ovvero Ciro Contini, nipote di Eduardo ‘o romano. Con lui sono stati “graziati” dal gup nel processo che si ĆØ celebrato con il rito abbreviatoĀ  anche i due complici arrestati dalla polizia lo scorso febbarioĀ  a Capodichino: Vincenzo De Vivo , eĢ€ stato condannato a 2 anni e 8 mesi. Giuseppe Cozzolino eĢ€ stato assolto. Venute meno le accuse di tentato omicidio e l’aggravante di aver agito per favorire un’organizzazione camorristica, grazie alla bravura difensiva dell’avvocato Giovanni Abet, sono rimaste in piedi solo le accuse di detenezione di armi e spaccio di droga. La polizia aveva arrestato il 16 febbario scorso De Vivo e Cozzolino al termine di un blitz dove furono rinvenute una palazzina di Traversa Marigliano,tra materassi, un divano ed altre suppellettili in stato di abbandono, due valigie di grosse dimensioni con allā€™interno il mini arsenale composto da armi da guerra, armi comuni da sparo, un giubbotto anti proiettile, una maschera da ā€œsoftairā€, delle bustine contenenti circa 200 grammi di hashish e circa 90 grammi marijuana, un bilancino di precisione, due disturba-tori di frequenze radio e numerosi abiti di colore nero presumibilmente utilizzati per compiere azioni intimidatorie o comunque offensive. In particolare furono sequestrate una pistola mitragliatrice Uzi, due pistole semiautomatiche ed una a tamburo, una bomba a mano proveniente dalla ex Jugoslavia, 710 cartucce di vario calibro e due coltelli con lama da 25 centimetri. Ciro Contini invece fu arrestato nel mese di maggio a Pescopagano in provincia di Caserta. Contro di lui le accuse del giovane pentito Bruno Esposito sfuggito ad una esecuzione lo scorso gennaio perchĆ© ĆØ riuscito a rifugiarsiĀ allā€™interno del commissariato San Carlo allā€™Arena a Capodichino.

Ecco il suo verbale. “Mi feci portare da Ciro Contini 64 chilogrammi di cocaina, acquistati da lui percheĢ intende- vo spacciarla a dettaglio. Lui attualmente eĢ€ il capo del can Sibillo. Lā€™ho conosciuto tramite Giovanni Licciardi che a sua volta mi fu presentato due anni fa da un mio parente acquisito, Giuseppe De Rosa, affiliato al clan Botta, che opera nel rione Amicizia. Circa due mesi fa Giovanni Licciardi mi presentoĢ€ Ciro Contini e cominciai a lavorare con lui. Ho acquistato da Contini della cocaina che poi ho rivenduto a Casavatore e nel Nolano. Pagavo 44 euro a grammo. Mi sono rifornito da Ciro Contini due volte: la prima volta ho acquistato duecento grammi e la seconda 64 grammi di cocaina. Ho eseguito con Contini anche altri reati. La settimana scorsa mi ha contattato al cellulare e mi ha detto di andare a casa sua. Mi sono recato da lui che abita in una traversa di Capodichino al terzo piano. Mi chiese di contattare un tale Emanuele di cui non ricordo il cognome e che abita a Casoria percheĢ intendeva fare una riunione con lui. Fissammo lā€™appuntamento per la sera stessa nello scantinato della mia abitazione, i due si accordarono e decisero di gestire assieme la zona di Casoria. Quel giorno nello scantinato Contini lascioĢ€ un trolley con allā€™interno delle armi che chiamava con il nome delle mie figlie, poi si riprese la borsa. Risolto questo problema mi ha parlato di un altro problema: un mio cliente di Nola, a nome Pietro, acquirente di stupefacenti che poi rivendeva al dettaglio,Ā aveva acquistato da me 110 grammi di cocaina della partita di 200 che avevo acquistato da Contini. Pietro mi doveva versare 5.500 euro in tutto, ma mi ha pagato solo una parte ed eĢ€ rimasto debitore di 3.400 euro. Ciro ha chiamato Pietro e lo ha minacciato gravemente: se non lo avesse pagato lo avrebbe ucciso e gli avrebbe violentato laĀ figlia. Pietro mi ha richiamato e mi ha detto che non avrebbe pagato per le gravi minacce subite. Io ero legato a Pietro come il cane con il padrone,ha preteso che andassi con altri suoi uomini a fare un pestaggio ad un pusher di piazza Bellini, percheĢ spacciavano senza la sua autorizzazione. Pietro allora si eĢ€ rivolto ad un esponente dei Moccia per tendermi una trappola. Mi hanno invitato da un barbiere a Casoria e poicheĢ sapevamo che i Moccia non volevano la droga a Casoria, lā€™ho detto a Ciro e siamo andati allā€™appuntamento. Lui si eĢ€ armato e si eĢ€ fatto scortare da due scooter. Lui ha fatto irruzione nel locale, ha picchiato tutti ed eĢ€ andato via. Poi cā€™eĢ€ stato il sequestro delleĀ armi nel mio scantinato e conti- ni ha pensato che fosse stato mio fratello a contattare i carabinieri. Contini mi ha cercato e sono andato da lui: mi ha puntato un coltello alla gola e mi voleva portare nella stanza delle torture di cui mi ha sempre parlato. Sono riuscito a scappare e sono corso dalla polizia al commissariato San Carlo allā€™Arena”.

 

 

 

Articolo precedenteCinquant’anni di Napoli, le foto da salvare di Riccardo Carbone.LA FOTOGALLERY
Articolo successivoVisite e operazioni gratis ai paesani del Cilento in un ospedale di Belluno: a processo un ortopedico di Casal Velino