Leggeva Proust e Sartre, il boss latitante Marcello Pesce, amante del calcio e della Movida milanese

Leggeva Proust e Sartre, ma la sua cultura era solo al servizio della cosca di appartenenza della quale, secondo gli investigatori, era la mente strategica. Marcello Pesce, di 52 anni, detto il "ballerino" per la sua passione per la movida milanese, è stato catturato all'alba dopo sei anni di latitanza. Il suo nome era inserito […]

Articolo precedenteMarano, un ingegnere accusa: “Minacciato dai Cesaro per firmare i documenti falsi dell’area Pip”
Articolo successivoGià chiuso il parco di Edenlandia: bambini senza Santa Claus