“Portami una bottiglia di vino bianco”, così ad Aversa si ordinava la cocaina

Il gruppo di pusher che stava inondando la città di Aversa di sostanze stupefacenti utilizzava una terminologia da enoteca per sviare eventuali controlli e intercettezioni telefoniche. E così il vino bianco era la cocaina, quello rosso il crack. La bottiglia era l'unità di misura e alla richiesta di una di esse corrispondevano 10 grammi di […]

Articolo precedenteSi spara durante una perquisizione dopo aver ingerito degli ovuli di droga
Articolo successivoMovida violenta a Castellammare: due risse e giovane pregiudicato ferito a colpi di pistola