Bomba a Firenze, l’ordigno aveva timer: per la Digos è un attentato

L’ordigno esploso stamane a Firenze, ferendo gravemente un artificiere della polizia, era dotato di un timer. La conferma arriva dagli esperti della Scientifica tuttora impegnati nei rilievi sul posto. Nessun dubbio, dunque, che si sia trattato di un attentato, la cui matrice e’ assai probabilmente politica. Era stato un funzionario della Digos a notare l’involucro sospetto, collocato davanti ad una libreria legata a CasaPound. Immediato l’intervento di una volante e dell’artificiere, investito dallo scoppio mentre si avvicinava all’ordigno probabilmente proprio nel momento in cui il timer concludeva la sua corsa.