Torna libera dopo 8 anni la figlia del boss accusata di aver ucciso un 24enne la notte di Capodanno

EĚ€ tornata in libertà Emanuela Terracciano dopo aver scontato integralmente la condanna a dieci anni di carcere per l’omicidio del 24enne Nicola Sarpa avvenuta la notte di Capodanno nel 2008 ai Quartieri Spagnoli. Emanuela Terracciano, all’ epoca 22enne e figlia del boss Salvatore detto ‘o nirone (morto nel mese di novembre per una grave malattia mentre stava scontando la sua detenzione) era stata accusata e condannata a dieci anni di reclusione per omicidio volontario ma con dolo eventuale.
Dopo essersi proclamata innocente per tutti questi anni, come riporta Il Roma difesa dagli avvocati Gaetano Inserra e Andrea Imperato, ha scontato tutta la condanna ed è uscita nei gior- ni scorsi dal carcere. Per Emanuela, il pubblico ministero aveva chiesto 30 anni di galera. Decisiva per i giudici la testimonianza della madre della vittima, che avrebbe visto e riconosciuto la ragazza dopo lo sparo che costò la vita al 24enne. La Terracciano, però, si è sempre proclamata innocente.
Era il 31 dicembre 2008 quando Nicola Sarpa, 24enne napoletano, fu ucciso mentre, poco dopo la mezzanotte, osservava fuochi d’artificio affacciato al balcone della sua abitazione in via TrinitaĚ€ degli Spagnoli. Il ragazzo, appena uscito sul balcone di casa proprio per chiamare e far rientrare il fratello di 8 anni, che era in cortile a giocare, fu ucciso da un proiettile vagante esploso da una pistola calibro 7.65. Dopo due giorni da quella terribile morte Emanuela Terracciano si cosituiĚ€ nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Articolo precedenteVergogna Scampia, Vela Rossa senza luce. I residenti occupano la MunicipalitaĚ€: “Niente corrente da tre giorni, ma ci ingnorano”
Articolo successivoMaltempo, a Napoli assistenza ai senza fissa dimora: anche in giornalisti in campo