Torre Annunziata, condannati i ladri seriali di scooter

TORRE ANNUNZIATA. Resistenza a pubblico ufficiale e furto: condannati i giovani ladri di scooter, finiti in manette alla Befana. Si tratta di Ciro Preveggenti, 20enne oplontino, già noto alle forze dell’ordine e fratello di Giovanni, già condannato invece per estorsione nel noto “affaire” Bar Gigi, e Ciro Di Salvatore, di 20anni, come il primo, ma incensurato ed originario di Torre del Greco. Un anno e 4 mesi di reclusione per Preveggenti. Di poco inferiore (un anno), la pena inflitta invece al suo complice dal giudice del Tribunale di Torre Annunziata, Riccardo Sena. La coppia di ladri – assistita a processo dall’avvocato Luciano Bonzani – fu arrestata il 6 gennaio scorso dai carabinieri del NOR (capitano Andrea Rapone, tenente Luca De Vito), dopo un folle tentativo di fuga tra le strade del centro di Torre Annunziata. Preveggenti e Di Salvatore furono sorpresi dai militari mentre si allontanavano in sella ad uno scooter Honda SH 125, appena rubato dal cortile di un’abitazione di via Prota. Alla vista dei carabinieri, i due 20enni si diedero alla fuga. Il loro tentativo fu inutile. Dopo un veloce inseguimento, la coppia venne infatti raggiunta e poi bloccata lungo corso Umberto I.

Monica Barba

Articolo precedenteAcerra, spacciavano in casa: in manette padre, mamma e figlio
Articolo successivoGiugliano, controlli a tappeto della polizia: in manette pregiudicato napoletano