Camorra, dai domiciliari gestiva il clan tramite i “pizzini” alla moglie e al fratello militare: tre arresti

Dai domiciliari a Gaeta continuava a gestire gli affari del clan La Torre-Gagliardi di Mondragone tramite la moglie e il fratello, caporal maggiore dell'Esercito Italiano, che gli consegnavano i pizzini provenienti da altri affiliati. Con l'accusa a vario titolo di associazione camorristica, detenzioni di armi e ricettazione con l'aggravante mafiosa sono finiti in carcere su […]

Articolo precedenteArzano, consorzio cimitero senza pace tra nomine in conflitto d’interessi, revoche e bando assunzione nuovo direttore con palesi illegittimità.
Articolo successivoMarigliano, insegnante morta di meningite: il sindaco chiude la scuola