Dopo Cristiano Giuntoli, anche Pepe Reina si fa portavoce del malumore del Napoli per l’arbitraggio di Valeri al termine della semifinale d’andata di Tim Cup vinta per 3-1 dalla Juventus. “Abbiamo fatto un bel primo tempo, abbiamo tenuto la Juve ‘scomoda’ in campo, abbiamo difeso bene e fatto il nostro lavoro. Poi nella ripresa, per gli episodi arbitrali, e’ cambiato tutto – afferma il portiere spagnolo ai microfoni di Rai Sport -. La Juve ha avuto una marcia in piu’? Il risultato cambia per le decisioni arbitrali, basta. Sul rigore di Cuadrado cosa faccio? Sparisco? Se prendo la palla prendo la palla, e’ inesistente, assolutamente. Cuadrado poteva prendere il pallone? Assolutamente no, io non posso sparire. E poi si parla poco del rigore di Albiol, che c’era. Noi dobbiamo imparare, migliorare, fare un migliore secondo tempo, sicuramente. Ma io sono incazzato, non e’ giusto. Il risultato finale e’ certamente condizionato dalle decisioni arbitrali, tutta l’Italia l’ha visto”. Per il Napoli e’ arrivato il momento decisivo: “Sabato cercheremo di fare del nostro meglio contro la Roma che e’ in salute, dovremo fare una grandissima partita”, chiosa Reina.

Redazione Cronache della Campania