Camorra, il regalo del boss “ricambiato” con l’omicidio del tatuatore

«Quando “zi’ Angioletto” è uscito dal carcere, “Cesarino” gli regalò venti pacchi di cocaina. Arcangelo Abete è come se avesse voluto ricambiare quell’azione». “Cesarino” altro non è che il super boss Cesare Pagano, a parlare è invece il collaboratore di giustizia Giuseppe Ambra, ex capo-piazza degli Abete-Notturno allo Chalet Bakù. Il pentito fa riferimento al […]

Articolo precedenteMorto Elio Graziano ex presidente dell’Avellino ed ex titolare dell’Isochimica, la “fabbrica della morte”
Articolo successivoBoscotrecase, nuovo caso di meningite in ospedale: anziana trasferita al Cotugno