La filiera del falso d’autore tra Napoli e Pescara viaggiava sui bus di linea per Roma con la complicità degli autisti

Un'organizzazione, ispirata a criteri imprenditoriali, in grado di approvvigionare grosse quantità sia di prodotti già confezionati, pronti per la vendita, sia di etichette ed accessori vari che poi dovevano essere assemblati in piccoli laboratori abusivi, anche casalinghi, dislocati sul territorio. Nell'operazione "Bazar", portata a termine all'alba dai finanzieri del Comando Provinciale di Pescara, sotto il […]

Articolo precedentePicchiano un ragazzo per una sigaretta: arrestati zio e nipote di Barra
Articolo successivoMalagò: “Parole De Laurentiis? Un equivoco”