Camorra: circa 2 secoli e mezzo di carcere per il clan Lo Russo. TUTTE LE CONDANNE

Erano in grado di controllare il territorio a tal punto che imponevano ai commercianti della zona e a due supermercati il pane che i prestanome dei boss producevano. Pane che veniva imposto a un prezzo maggiorato di 20 centesimi in piu’ per ogni chilo, soprattutto senza che i negozianti potessero rendere cio’ che non vendevano. Per l’inchiesta nota come ‘Pizzo del pane’ e questa mattina il gup Luigi Piccirillo del Tribunale di Napoli ha condannati tutti, infliggendo oltre due secoli di carcere. Imputati gli affiliati al clan Lo Russo di Miano, quartiere a Nord di Napoli, in parte smembrato grazie ad arresti e a pentimenti dei boss, i fratelli Salvatore, Mario e Carlo, quest’ultimo condannato oggi a 14 anni di reclusione ma anche di Antonio Lo Russo, figlio di Salvatore, Claudio Esposito, zio di Anna Gargano, moglie del boss tifoso e poi Antonella de Musis, la nuova compagna del boss Carlo Lo Russo e infine anche Rosario De Stefano, ex compagno della donna che aveva fatto da basista per l’omicidio del boss della Sanità, Pierino Esposito.  Le pene piu’ alte sono state inflitte Vincenzo Lo Russo ‘o signore(20 anni di carcere) unico irriducibile della famiglia insieme con il padre Giuseppe, in carcere da anni e  a Luigi Cutarelli ( anche per lui 20 anni) il killer preferito di Carlo Lo Russo già con due ergastoli sulle spalle per gli omicidi di Pasquale Izzi e Pierino Esposito. Sedici anni per gli altri due killer Mariano Torre e Ciro Perfetto. La moglie del capoclan, Anna Serino, e’ stata invece condannata a 8 anni di carcere, e ancora a 4 anni e 4 mesi Anna Gargano, la moglie del boss Antonio Lo Russo, ultimo della famiglia dei “capitoni” di Miano a passare dalla parte della Stato, anch’ella pentita con il marito. Queste le condanne: Luigi Cutarelli venti anni; Antonio Buono 14,8; Domenico Cerasuolo 14 anni; Gaetano Cifrone 16 anni; Francesco Danese 16 anni; Carmine Danese 4 anni; Giulio De Angioletti 8 anni; Gerardo De Leo 16 anni; Anna Gargano 4,4; Giuseppe Loffredo 7 anni; Carlo Lo Russo 14 anni; Vincenzo Lo Russo (di Giuseppe) 20 anni; Di Carlo 14 anni; Gaetano Milano 14 anni; Ciro Perfetto 16 anni; Gennaro Ruocco 16 anni; Domenico Rusciano 7 anni; Anna Serino 8 anni; Mariano Torre 16 anni.