Il premier Gentiloni a Benevento vista il Pastificio Rummo: “Siete un esempio per l’Italia e il Sud”

Benevento. Il premier Gentiloni visita il pastificio Rummo di Benevento, devastato dall’alluvione e elogia le imprese del Sud. “E’ ora di dire basta a lamentazioni di troppo sul fatto che al Sud non si possa fare impresa di avanguardia e di qualità. Ringrazio il coraggio di un’impresa che non si fa rammollire dall’acqua e da nessuno”. Parole di stima quelle espresse dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che dopo una prima tappa ad Airola, industria nel beneventano che ha raggiunto in elicottero, dove ha visitato lo stabilimento Adler, ha raggiunto il Pastificio Rummo, sempre nel Sannio, dove ha tenuto un discorso per elogiare il lavoro fatto dopo l’alluvione. “Ringrazio il nostro padrone di casa – ha dichiarato il premier – mi piace anche il vostro slogan ‘L’acqua non ci ha mai rammollito’. Dice molto del coraggio e della determinazione, che coinvolge anche i lavoratori. Grazie a tutti perchè siete un esempio per l’Italia e per il Sud. La presenza qui di tutte le autorità civili, religiose, degli enti locali, territoriali e del governo, è testimonianza di come un’esperienza positiva sia un messaggio per il nostro territorio. Qui e’ stata fatta operazione straordinaria nel dopo alluvione – ha ribadito – , ho visto le foto di quel 15 ottobre, dell’alluvione. Sono foto terribili. E chi guarda quelle foto e visita oggi il pastificio si rende conto del miracolo che e’ stato compiuto grazie alla collaborazione di tutti. Un gioiello della produzione alimentare italiana, nel quale tradizione, qualita’ e innovazione si combinano insieme. Un’altra storia di successo è legata al gruppo Adler ad Airola – ha spiegato – e questo esempio ci dimostra che il nostro saper fare, le nostre capacità di innovazione, sono vincenti nella misura in cui si sposano con la capacita’ imprenditoriale, di scommettere e di investire e la disponibilita’ delle istituzioni a dare una mano”. Per il numero uno di Palazzo Chigi: “E’ ora di dire basta a lamentazioni di troppo sul fatto che al Sud non si possa fare impresa di avanguardia e di qualita’. Le cose si muovono. Non sarà un caso che l’export negli ulTimi due anni, dalle regioni del Mezzogiorno, è cresciuto più che nel resto d’Italia. Tutti noi abbiamo come priorità ossessiva quella del lavoro, in particolare dei giovani e ne ho visti tanti qui. Questo per il governo è un impegno assoluto. In parte possiamo rispondere anche con la Pubblica amministrazione, c’è stato finalmente lo sblocco del turn over che può dare una mano, pero’ sappiamo che l’occupazione strategica, fondamentale, e’ quella che rappresenta il riflesso di un tessuto produttivo che funziona, che esporta, che produce qualità. E’ questo il lavoro a cui tutti noi aspiriamo per i giovani nel Mezzogiorno. Ed questo che costruisce il futuro di un territorio. Il pastificio Rummo è un esempio di successo ma c’è ancora bisogno dell’impegno di tutti”. “Oggi ci sono condizioni speciali per investire nel Mezzogiorno – ha poi evidenziato il premier – c’è un credito d’imposta per il 2017-18 e 2019 che e’ finalmente operativo e che credo rappresenti una grande opportunità. C’è una decontribuzione per il 2017 per l’assunzione di giovani. C’è quindi un contesto senza precedenti, e ci sono esempi come quello in cui ci troviamo che dimostrano che in condizioni agevolate, si può dare lavoro e avere successo anche sui mercati internazionali. Con l’impegno di tutti, della Regione e delle amministrazioni locali, possiamo moltiplicare questo impegno. Quando c’è qualità, capacità di innovare, coraggio, come le due realtà che ho visitato oggi, c’è futuro e c’è lavoro. Quindi grazie”.