Quagliarella: “La ferita dello stalker è ancora aperta”

"Dal mio arrivo a Napoli, anzi già da un anno prima, iniziavano ad arrivarmi lettere anonime, minacce di morte, messaggi sul telefonino di ogni genere, a me, a mio padre, a mia madre, di qualsiasi natura. Attacchi brutti di pedofilia, di camorra. E da lì è iniziato un incubo". Così l’attaccante della Sampdoria Fabio Quagliarella […]

Articolo precedenteCapri, approvato il project financing per via Krupp: scoppiano le polemiche
Articolo successivoErcolano: morta dopo tre settimane l’anziana ferita nello scoppio della bombola