Truffa del ‘pacco’ in trasferta: mattonella al posto di cellulare,2 arresti

Sperava di fare un affare comprando un telefonino del valore di oltre 600 euro a soli 60 euro, ma in realta’ si trattava della vecchia truffa del ‘pacco’ e cosi’ un senegalese di 25 anni si e’ trovato tra le mani soltanto una mattonella. In via Cola di Rienzo, nel quartiere Prati, a monitorare a distanza i movimenti dei truffatori c’erano i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma Trionfale che sono intervenuti e li hanno arrestati. Si tratta di un 29enne e un 41 enne di Napoli, gia’ noti alle forze dell’ordine. I due, truffatori di professione, in trasferta da Napoli, sono sbarcati nella Capitale con il loro kit e dopo aver affittato due scooter e poi via a caccia della vittima, straniera possibilmente, perche’ l’italiano oramai non ci casca piu’, come hanno confidato loro stessi ai militari. La tecnica e’ ormai collaudata, fanno fiutare l’affare imperdibile ad un prezzo stracciato alla vittima, che ha modo anche di toccare con mano e verificare il prodotto, poi all’atto dello scambio soldi/merce, velocemente i truffatori sostituiscono la custodia contenente il telefono vero con un’altra contenente una mattonella: il “pacco”. Nei sottosella dei due scooter, presi in affitto, sono stati trovati due telefoni cellulari, 5 astucci neri e diverse mattonelle che servivano per simulare la presenza del telefono nella custodia. Dopo l’arresto i truffatori sono stati portati in caserma e trattenuti, in attesa del rito direttissimo, dovranno rispondere del reato di truffa aggravata in concorso.