Annuncia su un social network il suo imminente suicidio in quanto partecipante al presunto gioco “Blue Whale”, ma il post si rivela uno scherzo. Un ragazzo di Serino, provincia di Avellino, è stato denunciato in stato di libertà per procurato allarme dai Carabinieri che nel frattempo erano intervenuti appurando che il giovane era nella sua abitazione e che non immaginava che il suo post avesse provocato tali conseguenze. Il giovane, prendendo spunto dal gioco “Blue Whale” del quale si è occupata una trasmissione tv, aveva pubblicato su un social network un post in cui annunciava il suo suicidio in quanto era “finalmente” giunto al 50esimo giorno e, quindi alla prova finale. Nel post spiegava anche di non poter compiere il gesto perché il luogo prescelto aveva una scarsa copertura di segnale per il collegamento a internet e pertanto non riusciva a ricevere le indicazioni del “curatore”, il tutor che dà le regole a chi decide di giocare. Tutto uno “scherzo”, che non ha però mancato di allarmare i conoscenti che hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri.

Redazione Cronache della Campania