Camorra, un altro secolo di carcere al clan Contini. TUTTE LE CONDANNE

Decine di pene dimezzate dai giudici della Quinta sezione della Corte d’appello di Napoli (presidente De Stefano) per i 31 imputati del clan Contini accusati di estorsione e riciclaggio. Pene complessive per oltre un secolo di carcere che però sommate a quelle già inflitte portano il totale ad oltre due secoli e mezzo. Un solo assolto e cinque condanne confermate. Si chiude così anche in secondo grado il processo alla parte economica della cosca di Eduardo Contini ‘o romano. Due le famiglie imprenditoriali principalmente coinvolte: a Roma ed in Versilia, quelle che ruotano attorno alla famiglia Righi, ed a Napoli, quelle che ruotano attorno alla famiglia Di Carluccio. Nel primo caso esperti in ristorazione, nel secondo nella gestione degli impianti di distribuzione di carburante. Accanto a queste due famiglie imprenditoriali, come ricorda Il Roma, ce ne sono altre impiegate nel settore dell’abbigliamento, in particolare a Prato.

TUTTE LE CONDANNE

AIETA ANTONIO 9 ANNI IN CONTINUAZIONE
AMBROSIO MARIO 3 ANNI E 4 MESI
AMMENDOLA GIUSEPPE 10 ANNI
BOSTI PATRIZIO 12 ANNI IN CONT.
BOVE LUIGI 8 ANNI E 8 MESI
CAPPELLA ANTONIO 6 ANNI
CELLA LUIGI 10 ANNI
CONTINI EDOARDO 21 ANNI, 6 IN CONT.
CRISTIANO ANTONIO 8 ANNI
DELLA PORTA ANNA 5 ANNI E 4 MESI
DE ROSA GIUSEPPE 3 ANNI E 9 MESI
DI MUNNO ROSA 4 ANNI
ESPOSITO ETTORE 10 ANNI
FALANGA UMBERTO 10 ANNI E 2 MESI IN CONT.
FESTA DOMENICO 22 ANNI E 8 MESI IN CONTI.
FIDO ORESTE 9 ANNI
FOLCHETTI LUIGI 5 ANNI E 4 MESI
GALLETTO LUIGI 14 ANNI E 4 MESI IN CONT.
GUERRIERO RAFFAELE 8 ANNI
IMPERATORE ANTONELLA 2 ANNI E 8 MESI
LANZETTA VINCENZO 4 ANNI E 8 MESI
MASTELLONE LUIGI 10 ANNI
MELE MAURO 5 ANNI E 4 MESI
MURANO ROBERTO 8 ANNI E 8 MESI IN CONT.
NURCATO RAFFAELE 10 ANNI
OTTAVIANO PAOLO 3 ANNI
RUGGIERO ANTONIO 8 ANNI E 8 MESI
RULLO NICOLA 11 ANNI E 6 MESI IN CONT
SANTANIELLO GIOVANNI ASSOLTO
ZAZO SALVATORE 20 ANNI IN CONT.

Articolo precedenteNocera: verso la fusione, voglia di referendum
Articolo successivoNapoli, nuovo blitz dei Nas all’ospedale delle formiche