Due operai dell’indotto dello stabilimento Hitachi di Napoli sono saliti per protesta su una gru del cantiere della Linea 6 di piazza Municipio a Napoli esponendo cartelli con le ragioni della loro iniziativa. Gli operai, da giorni protagonisti di altre azioni di protesta per attirare l’attenzione pubblica sulla loro vertenza, si sono arrampicati di notte in cima alla struttura mentre altri loro colleghi sono rimasti all’esterno. ”Dopo 28 anni di lavoro nello stabilimento lavorando gomito a gomito con i dipendenti Ansaldo, ora Hitachi rail Italy, – spiega un portavoce dei Cobas – chiediamo che i quattro lavoratori, cosi’ come e’ successo per tutti gli altri operai del Gruppo Quanta, vengano assorbiti dalla nuova azienda nelle fabbriche campane ”. ”Non siamo fannulloni – spiegano – ma la proposta dell’azienda di trasferimento a Porto Marghera e’ chiaramente irricevibile per gli enormi disagi che comporterebbe e per i problemi di sussistenza per le nostre famiglie”. Nei prossimi giorni e’ previsto un incontro in Prefettura tra le parti per cercare una soluzione praticabile per i quattro operai.

Redazione Cronache della Campania