Torre Annunziata, individuate due persone vive, chiusi gli stabilimenti balneari in segno di rispetto per la tragedia

Sono due le persone, coinvolte nel crollo di una palazzina a Torre Annunziata, che i soccorritori avrebbero individuato e che stanno cercando di portare in salvo. Si tratta di una donna e di un uomo. Il lavoro è reso difficilissimo dalle condizioni dei detriti. Al momento,  sarebbero impegnate soprattutto le unità cinofile dei vigili del fuoco. E infatti sarebbe stati i cani ad individuare le due persone in vita. Nel punto in cui i cani hanno sentito qualcosa si scava a mani nude. Nel frattempo è arrivata anche una pala meccanica cingolata per le operazioni di scavo. Le forze dell’ordine cercano di mantenere la clama e portano via gli oggetti che trovano sul posto. I titolari degli stabilimenti balneari hanno ordinato la chiusura in segno di rispetto per la tragedia. “Nessuna persona individuata al momento”, scrivono i pompieri su twitter alle 9.45.

“Saranno gli organi inquirenti a stabilire se vi sia una connessone tra i lavori e il crollo” aggiunge il sindaco. E aggiunge: “Ora ci auguriamo solo che le operazioni di scavo permettano di salvare quante piu’ vite umane”. Da stamane in via Rampe Nunziante, nella zona a ridosso del lungomare di Torre Annunziata, il sindaco Ascione assiste e, dove possibile, coadiuva il lavoro delle squadre di intervento che scavano insistentemente nella speranza di estrarre qualche persona viva: “Stiamo provvedendo a fornire le squadre di intervento di bevande con sali minerali per permettere loro di reintegrare quelli persi in questa giornata molto calda”.Il sindaco parla anche della palazzina: “Si tratta di una costruzione degli anni Cinquanta-Sessanta, in una zona residenziale della citta’. Quelle alle quali stiamo assistendo sono scene inimmaginabili, tragedia immane. Gli uomini del pronto intervento non si fermeranno fin quando ci sara’ la possibilita’ di tirare fuori persone vive”. 

 Rosaria Federico