Agenti penitenziari aggrediti nel carcere di Secondigliano: i sindacati proclamano lo stato di agitazione

Dopo l’aggressione del 20 agosto scorso nel carcere napoletano di Secondigliano di due agenti della penitenziaria ad opera di cinque detenuti, l’Unione Sindacale di Polizia Penitenziaria ha proclamato lo stato di agitazione dei proprio iscritti in servizio nella difficile struttura partenopea per protestare contro la mancanza di interventi successivi al fatto, come il trasferimento dei […]

Articolo precedenteNapoli, morte del ragazzo in codice rosso: rimosso il direttore sanitario del Loreto Mare
Articolo successivoL’ oroscopo di oggi: la giornata segno per segno