Gragnano, piscina e opere abusive scoperte dai vigili nella casa di un congiunto di un assessore

Un nuovo caso di abusi edilizi scuote la tranquillità della maggioranza del sindaco Cimmino a Gragnano. Stamane la speciale squadra anti abusivismo dei vigili urbani ha messo i sigilli ad alcune opere illegali realizzate da uno stretto congiunto di un assessore comunale. I caschi bianchi hanno rilevato la realizzazione di una piscina e di alcune opere murarie fuori terra non autorizzate in via Mutino delle Capre, una traversa di via Castellammare. I vigili sono arrivati sul posto, dopo una segnalazione anonima e hanno rilevato gli abusi tra l’altro realizzati di recente. Forse i familiari dell’assessore sperando nella clemenza e nella classica “chiusura di occhio” durante il periodo Ferragostano pensavano di essere impuniti. E invece i vigili arrivati sul posto dopo le formalità e le foto di rito hanno inoltrato una denuncia alla procura della Repubblica di Torre Annunziata intimando ai familiari dell’assessore il ripristino dello stato dei luoghi.

 

(nella foto da google maps, la zona di via Mutino delle Capre)