Pip di Lusciano, archiviata la posizione dell’editore televisivo Nicola Turco

Archiviata totalmente e pienamente la posizione del dottor. Nicola Turco, editore del gruppo televisivo Teleprima, di vari giornali web e cartacei, tra cui il famoso notix.it, e neopresidente della squadra di pallavolo femminile Volalto Caserta che milita in serie A2.

“Finalmente esco da un incubo! Anche se non avevo dubbi in quanto, come ho sempre affermato, credo fermamente nei valori della magistratura! I magistrati svolgono un lavoro eccellente e certosino e fanno emergere sempre la verità! Sono onorato di essere stato ascoltato in questo percorso di 3 anni dal dott. Sirignano prima e dal dott. D’Alessio poi, magistrati anzitutto competenti, scrupolosi nel loro lavoro, attenti e desiderosi solo di una cosa: far emergere la verità!”

Queste le dichiarazioni a caldo del Dr. Nicola Turco appena ha appreso la notizia dell’archiviazione della sua posizione e della caduta piena e totale di tutte le accuse contro di lui, archiviazione richiesta l’11 aprile dal Dott. D’Alessio e firmata l’11 settembre dal Dott. Ferrigno.

Per ricordare, Nicola Turco era stato coinvolto ingiustamente e senza alcun elemento di fondatezza nell’inchiesta relativa al Pip di Lusciano che condusse nel 2014 all’ordinanza per 22 persone e a vari arresti. Per tutti il procedimento è andato avanti con il rinvio a giudizio, mentre per Turco sin dall’inizio la posizione è stata stralciata, mai rinviato a giudizio ed ora giunge l’archiviazione totale.

“Archiviazione sudata e conquistata – dichiara Turco – lottando come ho sempre fatto fino ad oggi per dimostrare con i fatti e con documenti alla mano la mia totale estraneitĂ  ai fatti in questione ed anzi per ribadire che sempre, invece, mi sono opposto all’illegalitĂ , rischiando molto negli anni inerenti all’oggetto dell’indagine. Ma sono contento e orgoglioso che i magistrati hanno portato alla luce quali sono i fatti reali e chi sono io come persona! Da oggi, con la veritĂ  dimostrata, riprendo il mio cammino di sempre, fare l’imprenditore, cosa che in questi 3 anni mi sono negato per dedicarmi solo alla dimostrazione dell’integritĂ  della mia persona rimettendoci tanto, anche e soprattutto in termini economici! Ma non ho mi gettato la spugna perchĂ© la fiducia nella veritĂ  è sempre stata piĂą forte di tutto! Non farò assolutamente piĂą politica che mi ha arrecato solo danni e tanta amarezza!

Desidero ringraziare mia moglie e i miei figli che mi sono sempre stati vicini nei momenti più duri e difficili, credendo sempre in me e dandomi la forza per continuare a lottare per la verità e la giustizia, mentre tutti gli altri mi hanno voltato le spalle. Le mortificazioni subite, però, sono oggi ampiamente ripagate dalla luce della verità. Sono una persona perbene da sempre e lo sarò per sempre, i valori e la mia moralità non sono mai stati scalfiti, nemmeno nei momenti più bui e duri di questa vicenda e l’aver dimostrato con i fatti mi ripaga oggi pienamente di queste sofferenze e mi rende ancora più orgoglioso della mia onestà.”

Articolo precedenteIn arrivo il nuovo commissariato a Casal di Principe
Articolo successivoInchiesta Consip, la Musti: ”In che pasticcio ci hanno messo?”