Camorra, nuova stesa contro un ras del clan Mazzarella

Un botta e risposta in meno di 24 ore tra uomini del clan Rinaldi e quelli dei Mazzarella di San Giovanni a Teduccio. Due stese di camorra sulle quali stanno indagando gli uomini della squadra mobile e quelli del commissariato San Giovanni-Barra.
La prima stesa nella notte di sabato contro uno stabile al corso San Giovanni a Teduccio, a Napoli. Gli uomini della sezione Scientifica della Polizia hanno trovato tre fori nella vetrata del portone e due nella parete in ferro di accesso allo stabile del civico 862. Dieci le famiglie che abitano nell’immobile preso di mira.¬† La polizia ha sentito gli abitanti dell’edificio.
Nessuno risulta legato in maniera diretta ai clan. Ma il segnale √® stato ben chiaro. Il destinatario √® qualcuno che abita nel palazzo. La zona √® priva di telecamere e quindi difficile risalire agli autori della stesa. Nel pomeriggio di ieri invece la seconda stesa a poca distanza ma nel comune di san Giorgio a Cremano. Alcuni colpi di pistola sono stati esplosi da sconosciuti all’indirizzo dell’abitazione di un ras del clan Mazzarella. Lo scontro tra le due famiglie camorristiche √® di nuovo ripreso dopo qualche mese di tregua.
Ad inizio mese gli spari, per la seconda volta nell’anno da quando √® uscito dal carcere, contro l’abitazione del boss Ciro Rinaldi a cui ha fatto seguito dopo qualche giorno una stesa nella zona di piazza Mercato contro l’abitazione di Ciro Mazzarella attuale reggente del clan. E nel week end di nuovo altri spari. Gli investigatori stanno valutando le nuove tensioni tra le due famiglie camorristiche visto che una decina di giorni fa, ad ulteriore testimonianza, √® stata trovata una pistola carica in via Figurelle, zona di competenza del clan Reale, alleati dei Rinaldi.
 

Articolo precedenteMafia, maxiblitz a Bagheria: 16 arresti
Articolo successivoAvellino: tutti delusi, compreso Novellino