Bimba trovata morta in piscina in provincia di Benevento: sarà riesumata la salma

Fu trovata morta nella piscina di un agriturismo a San Salvatore Telesino. Aveva solo 9 anni e aveva raggiunto i genitori soltanto da un anno. Il corpicino di Maria Ungureanu sara’ riesumato il 13 dicembre prossimo per consentire al perito nominato dalla procura della Repubblica di Benevento di eseguire altre indagini. Al professor Francesco Introna e’ stato affidato l’incarico per chiarire se la bimba sia stata violentata, uccisa e poi gettata nella piscina dal suo assassino.
Per la sua morte sono indagati un amico dei genitori, Daniel Ciocan, 22 anni, e sua sorella Cristina di 33. Daniel si e’ sempre professato innocente, pur avendo subito ammesso di essere stato in compagnia della bambina nelle ore precedenti la morte; l’uomo pero’ ha sempre sostenuto di averla lasciata viva e di non aver mai pensato di abusare di lei. L’alibi da lui fornito si basa sulla sorella Cristina, dalla quale il 22enne si sarebbe recato nel momento in cui Maria fu uccisa.
Se fu uccisa. Perche’ le richieste di custodia cautelare in carcere per Daniel sono state sempre respinte, prima dal Gip del tribunale di Benevento e poi dal tribunale del Riesame di Napoli che hanno ravvisato gravi lacune nella ricostruzione dell’omicidio, al punto da non escludere completamente l’ipotesi che la morte potrebbe essere avvenuta per cause accidentali.