Camorra a Giugliano, il gip: ”L’onorevole Palma si rivolse ai cugini Liccardo per favorire Pirozzi alle primarie Pd”

 

Il clan ha sempre dimostrato “grande interesse alla realta’ politica giuglianese e una indubbia capacita’ con la famiglia Liccardo di infiltrarsi”. Molti collaboratori di giustizia hanno raccontato che la cosca camorrista ha sempre avuto il controllo dei Comune affinche’ assumesse iniziative a tutela degli interessi dell’organizzazione camorristica.
In particolare, Salvatore Izzo e Giuliano Pirozzi, due ‘gole profonde’ hanno delineato con precisione il ruolo di Antimo Liccardo e le intercettazioni telefoniche a cavallo delle tornate elettorali per l’individuazione dei candidati che si sarebbero dovuti presentare come sindaco. Dall’ordinanza che ha colpito il clan Mallardo, emergono telefonate avvenute durante le elezioni primarie del Pd che si sono svolte nel marzo del 2015, al termine delle quali e’ stato designato quale candidato Antonio Poziello.
In quel periodo ci sono state telefonate tra i cugini Paolo Liccardo, in carcere, e il suo omonimo, consigliere comunale e indagato a piede libero, e l’onorevole del Pd Giovanna Palma – estranea all’indagine -, a sua volta cugina dei Liccardo. “La stessa Palma e poi il consigliere Paolo Liccardo, rivelano apertamente la contiguita’ di Antimo Liccardo con gli ambienti della criminalita’ organizzata”, scrive il gip nella misura cautelare.
La parlamentare, sostiene il gip, si e’ rivolta ai cugini “per reperire voti in favore di Nicola Pirozzi, altro candidato al ruolo di primo cittadino”. La prima conversazione e’ del 26 marzo del 2015 alle ore 15,27 ed e’ tra Paolo e l’onorevole e verte principalmente su argomenti elettorali e sui pessimi rapporti tra lo stesso Paolo e il suo cugino omonimo, descritto come un poco di buono.Più precisamente Paolo Liccardo racconta di quando collaboravano insieme alla gestione amministrativa di un cospicuo numero di condomini della zona, che si erano aggiudicati sfruttando delle “amicizie”.”Invece lui si andò a prendere i condomini dei costrut­tori, e noi avevamo presi parecchi condo­mini di costruttori sfruttando le amicizie, capito”.
Si ritiene probabi­le, sostiene il gip, che con il termine “amicizie” inten­da far riferimento al lega­me con Antimo Liccardo. Il riferimento è poi più che di­retto nella parte del collo­quio in cui Palma, volendo prendere le distanze da An­timo c dagli ambienti cri­minali a lui riconducibili, osserva che Liccardo, cl.1972, sfrutta molto il dello zio a proprio vantaggio c rappresenta di averli gàià fatto notare questo brut­to comportamento che va a discapito della sua imma­gine. “Per i condomini e perché lui si spende molto là. Il nome, si spende molto il nome di vostro zio e glie- l’ho detto pure. Badate bene di questa co­ sa che fai solo brutte figure”

(nella foto da sinistra Paolo Liccardo, l’onorevole Giovanna Palma e Nicola Pirozzi)