Camorra: Ciro Contini aiutò ‘o nannone nell’omicidio del meccanico innocente di Forcella

C'era anche Ciro Contini, il "ribelle", nipote del superboss Eduardo 'o romano fondatore dell'Alleanza di Secondigliano, insieme con Antonio Napoletano “’o nannone” il 31 luglio del 2015 quando fu ucciso nell'officina di Forcella dove lavorava, il meccanico incensurato Luigi Galletta. Il nipote del boss  è indagato per concorso nell'omicidio. Lo scorso anno era stato condannato […]

Articolo precedenteRissa in strada a Barcellona: italiano ucciso a coltellate
Articolo successivoIl procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho a Casal di Principe per ‘Pacco alla camorra’