Castellammare, l’Anas comunica la riapertura temporanea delle gallerie di Varano e Privati ma i danni sono ingenti

Anas comunica che sara’ riaperto al traffico a partire dalle ore 6.30 di domattina, venerdi’ 1 dicembre, il tratto della strada statale 145 “Sorrentina” chiuso ieri sera, per allerta meteo, tra lo svincolo di Castellammare Centro (km 3,600) e quello di Castellammare Villa Cimmino (km 9,500); torneranno quindi fruibili le gallerie ‘Varano’ e ‘Privati’. A seguito delle eccezionali precipitazioni dello scorso 6 novembre (come gia’ reso noto da Anas, in esito ai numerosi sopralluoghi e rilievi effettuati) sono stati riscontrati significativi danni – oltre che nei tunnel e nelle cabine di gestione degli impianti elettrici delle gallerie – anche nelle zone attigue al tratto di statale, tra i territori comunali di Gragnano e Castellammare di Stabia. La viabilità, tuttavia, sarà garantita soltanto tra le 6.30 e le 22: la strada resterà chiusa di notte e in caso di piogge improvvise e particolarmente consistenti.
Il danno maggiore – tra quelli evidenziati da Anas attraverso le ispezioni tecniche – e’ costituito dal franamento di un tratto di tubazione, di 5 metri diametro, che prima dell’evento meteorico garantiva il deflusso delle acque piovane in corrispondenza della tratta di SS145 “Sorrentina”, causato dal franamento della ripa a valle del torrente ‘Rivo Calcarella’. Attualmente, quindi, in condizioni ordinarie, la continuita’ idraulica nell’area viene controllata anche attraverso l’utilizzo di un sistema di pompe idrovore, mentre in condizioni di straordinarieta’ (ovvero durante precipitazioni particolarmente intense) si rende necessaria l’interdizione al traffico.
Per permettere la risoluzione della problematica, Anas ha studiato e progettato un intervento che consentira’ di ripristinare in maniera definitiva la continuita’ idraulica della tubazione, prevedendone il ripristino ante-evento. Contestualmente, Anas ha progettato anche l’intervento finalizzato a ripristinare definitivamente gli impianti tecnologici dei tunnel, comprese le cabine di alimentazione elettrica. Da una prima stima si prevede che tali lavori richiedano un impegno economico complessivo di circa 1 milione e 200 (700mila euro per il ripristino della tubazione e dello stato dei luoghi e 500mila euro per la riattivazione definitiva degli impianti). E’ previsto, a breve – presumibilmente gia’ la prossima settimana – un incontro tra Anas e gli Enti Locali, presso la Prefettura di Napoli, finalizzato a condividere nel dettaglio, tecnicamente, le modalita’ di esecuzione degli interventi e le conseguenti tempistiche di ripristino.