Giovani ingegneri, accordo per tirocini al Comune di Pompei

L’obiettivo è quello di offrire ai giovani ingegneri opportunita’ formative negli enti locali. Il presidente dell’Ordine degli ingegneri di NAPOLI – Edoardo Cosenza – ha siglato stamani un protocollo con il sindaco del Comune di Pompei, Pietro Amitrano, per l’attivazione di quattro tirocini di durata semestrale negli uffici tecnici municipali. La procedura di selezione degli aspiranti sara’ organizzata dal Comune stesso. Verranno ammessi due professionisti a semestre, per un totale di quattro unita’ in 12 mesi. A promuovere la firma dell’accordo, il consigliere dell’Ordine degli ingegneri di NAPOLI, Gennaro Annunziata. “Ai giovani professionisti – afferma il sindaco Amitrano – e’ offerta con questo accordo la possibilita’ di fare esperienza concreta sul campo, mentre l’amministrazione ha l’opportunita’ di avvalersi di competenze qualificate e di nuove energie”. “Ai tirocinanti – spiega il Dirigente del Comune di Pompei, architetto Gianfranco Marino – sara’ pagata, a carico del Comune, una polizza contro gli infortuni e per la Responsabilita’ civile. Verra’ inoltre corrisposto un rimborso spese mensile forfetario di 400 euro lordi. Il protocollo e’ rivolto agli iscritti all’Ordine da meno di cinque anni e che non abbiano ancora superato il 35esimo anno di eta’”. L’accordo siglato col Comune di Pompei si inquadra in uno schema di protocollo che l’Ordine degli ingegneri di NAPOLI propone a tutte le amministrazioni locali della provincia, gia’ sottoscritto – fra gli altri – dai Comuni di Casamicciola, Gragnano, Marano, Afragola, Liveri, Saviano e Scisciano. “L’Ordine – sottolinea il Presidente Edoardo Cosenza – e’ impegnato per attivare altri tirocini di questo tipo nelle pubbliche amministrazioni. I giovani preparati rappresentano per i nostri territori un patrimonio da valorizzare. Per la massima diffusione dell’iniziativa – aggiunge – contiamo anche sulla promozione che i giovani colleghi ingegneri vorranno farne presso gli enti locali con cui sono in contatto”.