La droga dall’Albania arrivava a Napoli e Caserta anche nelle panciere premaman. TUTTI I NOMI

Il fiume di droga scoperto sulla rotta turca-albanese che aveva invaso per parecchi mesi i comuni del Casertano e dell'hinterland partenopeo attraverso una associazione mista italo-albanese formata da grossisti, mediatori, corrieri e spacciatori al dettaglio così come emerge dall'indagine il cui titolare è il pm antimafia Luigi Landolfi della Dda di Napoli era controllato da […]

Articolo precedenteVico Equense. Bloccati sul Faito da una settimana, nessun intervento: la strada resta chiusa
Articolo successivoTraffico di droga e banconote false tra Napoli e la Sardegna: decine di arresti