‘Me rimanett na pistola e nu quartier a cummanà’ anche il rapper che canta la camorra salernitana era a casa del boss. IL VIDEO

C’era anche il noto rapper neomelodico salernitano Gerry Murzett (Gerry la morsa) per l’anagrafe Gerardo Rispoli a casa del boss Ciro Persico l’altro giorno quando hanno fatto irruzione i carabinieri che hanno scoperto nel 8 chili e mezzo di hashish e due chili di cocaina pronta ad essere immessa sul mercato della Movida salernitana per le festività natalizie. Con loro anche un terzo complice: Ugo Ventre. I tre sono finiti in carcere.
Il sequestro di droga è uno dei più ingenti dell’ultimo anno sulla piazza salernitana e che se immessa sul mercato avrebbe fruttato almeno 300mila euro. A parte il boss Ciro Persico, padre di Vincenzo ‘Coca Cola’ ucciso nel gennaio del 2014 a Montecorvino Rovella, è la presenza del neomelodico che inquieta gli investigatori. Murzett è un personaggio noto non solo a Salerno. Sulla sua pagina facebook ( per la verità ne ha una seconda di quando era molto più giovane ma non è aggiornata dal 2014)  racconta Salerno, il disagio sociale ma anche di boss, carceri e camorra.
Una canzone in particolare racconta la vita di un piccolo boss di quartiere. Si chiama “L’eredità- Lettera e nu carcerato”. E recita così: “Nun mo scordo o juorno ca accerettn a papà, nun so po cancellà, o teng stampat cà, mammà rind a cucina priparava pe mangià quando a belle e buon sentettm e sparà, ma abbasci addu nuje è normal e nu jettem a penzà..po n’amico e famiglia ci venett avvisà. Chella ca succerett nun so po immaginà… tenev triric ann e mulev vendicà guardai a fratm inta alluocchi e capett che l’era fa…me rimanett na pistola e nu quartier a cummanà e nu poco d’oro spuorc e sangue, chest fu l’eredità… o meglio po meglio l’aggi fatt tremmà… conosco sul na legge che è chell e l’omertà…numm aggi scelt io chesta vita cca… so nato miez a via e miez a via aggià stà… l’unica amica mia è a 38 e papà.. pe mezz e ruie pentit aggi perz a libertà.. sta strada nu porta a niente che ciaggia uaragniat’ mo ca aggia murì cca…”.
E come il piccolo boss della sua canzone per il momento Gerardo Rispoli è rinchiuso nel carcere di Fuorni. Nei prossimi giorni comparirà davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia.