Napoletano fa una rapina a Monza, inseguito si getta nel fiume, rischia di annegare: salvato dai carabinieri e arrestato

Un 40 enne di Desio e un 26 enne originario di Napoli sono stati arrestati dai carabinieri per rapina aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma bianca a seguito di un rocambolesco inseguimento a Monza conclusosi con un testa coda per l’auto dei rapinatori. Uno dei due malviventi ha poi rischiato di affogare nel canale Villoresi, dove si e’ gettato per sfuggire all’arresto. Non sapeva nuotare, lo hanno salvato i carabinieri.
L’inseguimento e’ giunto dopo due rapine consecutive messe a segno prima a Lissone, dove i due hanno minacciato un 50enne costringendolo a consegnare loro la sua Fiat Tipo, poi a Monza, dove hanno rapinato due donne 80enni. Mentre fuggivano sono stati raggiunti da una pattuglia dei carabinieri di Monza, innescando un rocambolesco inseguimento per le vie del centro. Una volta bloccati, hanno tentato la fuga a piedi e uno dei due si e’ gettato nel Villoresi. Per salvarlo i militari sono dovuti entrare in acqua. Il secondo e’ stato bloccato da una seconda pattuglia.