Napoli, la Procura chiede il processo per il rettore del Suor Orsola Benincasa

Il pm della procura di Napoli, Graziella Arlomede ha chiesto il rinvio a giudizio del rettore dell’Universita’ Suor Orsola Benincasa, Lucio D’Alessandro, nell’ambito dell’inchiesta su presunte irregolarita’ per favorire Francesco Zecchino, figlio dell’ex ministro Ortensio Zecchino, per un incarico di ricercatore (insegnamento di Storia dei Giardini).
I fatti si riferiscono a un concorso del 2003, oggetto di numerosi ricorsi amministrativi. Il reato contestato e’ di abuso di ufficio mentre l’accusa di falso e’ ipotizzata nei confronti di tre componenti della commissione, per i quali pure il pm ha chiesto il giudizio: Giovanni Coppola, Anna Giannetti, Alessandro Viscogliosi.
Ne’ Francesco Zecchino ne’ il padre risultano indagati nella vicenda. L’udienza preliminare e’ stata fissata per il 16 novembre prossimo davanti al gup Marina Cimma. D’Alessandro in una nota del settembre scorso sottolineo’ che la vicenda giudiziaria risale a concorso del 2003 ”mentre io – affermo’ – soltanto dal maggio del 2011 ho avuto l’onore di iniziare a ricoprire la carica di Rettore dell’Universita’ Suor Orsola Benincasa” e di essersi limitato ”a dare seguito alle decisioni assunte dalla magistratura amministrativa”.