Napoli, Sarri col Milan vuol ritrovare il passo scudetto

Una partita estremamente difficile, complicata e ricca di insidie. E’ quanto pensano Sarri e i giocatori azzurri di Napoli-Milan, l’anticipo del sabato sera di un campionato che, messi un po’ da parte i tormenti della Nazionale, si riprende il palcoscenico del calcio con una sfida importante per la capolista al San Paolo. Per mantenere la testa della graduatoria serve una vittoria e per ottenerla sara’ indispensabile ritrovare lo smalto e la brillantezza atletica che prima della sosta i partenopei sembravano aver smarrito. La parola d’ordine e’ dunque concentrazione.
Servira’ per avere ragione di un avversario, il Milan del napoletano Vincenzo Montella, che al San Paolo non vince da sette anni e che arriva estremamente motivato. Sarri, una volta rimessi assieme i pezzi della sua squadra, sparsi un po’ dappertutto nel continente europeo la scorsa settimana, ha potuto preparare tatticamente la partita con il solito impegno e meticolosita’.
La formazione, a meno di clamorose sorprese, sara’ quella che il tecnico considera titolare, con l’unica eccezione di Mario Rui al posto dell’infortunato Ghoulam. D’altro canto, dopo la rottura del crociato di un ginocchio e l’intervento chirurgico di ricostruzione per il franco-algerino, l’ex romanista e’ divenuto ormai titolare, anche per mancanza di una vera alternativa. Quanto a Insigne e Jorginho, i due delusi della Nazionale, reduci dalla fallimentare esperienza del duplice confronto con la Svezia, saranno sicuramente in campo e vorranno ritrovare con la maglia azzurra del Napoli le soddisfazioni e le gioie negate dallo spareggio per la qualificazione al mondiale di Russia 2018. Ora, pero’, la squadra pensa solo al campionato e al sogno scudetto che resta una parola tabu’, anche se con qualche eccezione.
Raul Albiol, ad esempio, in una intervista a Radio Kiss Kiss, si lascia un po’ andare e fa riferimento esplicito a quello che resta il principale obiettivo degli azzurri. “Se vinco lo scudetto – scherza lo spagnolo – faccio il quinto figlio, ma mia moglie deve essere d’accordo! Abbiamo cominciato la stagione con questa mentalita’, sappiamo che e’ difficile arrivare al primo posto, dobbiamo soffrire tanto e vincere tante partite se vogliamo arrivare primi”. “Noi vicini alla Juve? Si’ – conclude Albiol – siamo migliorati, ma la Juve e’ favorita, lo dice il campionato degli ultimi anni. Comunque vogliamo restare li’ fino alla fine e vincere noi”.

Articolo precedenteCamorra, omicidio ai Quartieri: Verrano ucciso dopo la lite con il figlio di una capo-piazza dello spaccio
Articolo successivoQualiano. Sei anni di carcere allo stalker stupratore