Omicidio di Juliya, arrivano i Ris sulla scena del crimine

Cervino, Caserta. A distanza di una settimana dal ritrovamento del corpo senza vita di Juliya Jaksic gli uomini del Ris di Roma passeranno al setaccio la casa colonica divenuta luogo del delitto. Questa mattina gli investigatori cercheranno di capire la dinamica che ha portato all’omicidio della montenegrina.
La pista più probabile resta quella di un omicidio maturato nella cerchia dei conoscenti anche l’unico indiziato è il compagno Joseph Casablanca che, però, da due settimane ha fatto perdere le proprie tracce. La casa sembrerebbe in ordine, circostanza che fa pensare ad un assassinio senza colluttazione. Intanto proseguono le ricerche di Joseph che potrebbe essere stato aiutato da connazionali per scappare via.
Le indagini, inoltre, proseguono anche sul piano di un’ipotetica terza persona che abbia aiutato il marocchino a compiere il delitto, prestandogli la pistola. La salma della 38enne è ancora all’ospedale di Caserta. E’ saltata l’autopsia ieri per ulteriori indagini disposte dalla procura che potrebbe svolgersi nella giornata di oggi.