Scontri tra tifosi in Udinese-Napoli: 150 i coinvolti, in stato di fermo tre napoletani

Un gruppo di circa 150 tifosi del Napoli si e’ compattato nell’area dei parcheggi sud dello stadio di Udine destinato agli ospiti e, anziche’ dirigersi verso il proprio settore, si e’ incamminato verso la curva Nord. Sono cominciati cosi’ gli scontri del pre-partita di Udinese-Napoli, circa un’ora prima della partita. Contemporaneamente un gruppo di supporter friulani ha cominciato a scendere in direzione opposta dalla curva Nord verso il settore Sud.
Le due tifoserie sono arrivate faccia a faccia nella zona antistante la tribuna centrale, mai entrate in contatto diretto, subito separate da un cordone di Polizia e Carabinieri schierati in tenuta anti-sommossa che hanno disperso i facinorosi con il lancio di lacrimogeni. Alcuni tifosi, che hanno tentato di rendersi meno riconoscibili con i cappucci delle felpe, hanno impugnato delle specie di spranghe, forse aste di bandiera, e hanno lanciato dei fumogeni e qualche altro oggetto. Tre di loro, non quattro come appariva in un primo momento, sono stati accompagnati in Questura.
La loro posizione e’ al vaglio. Diversi altri sono gia’ stati identificati, come il tifoso partenopeo che al termine dell’incontro ha acceso un fumogeno sugli spalti. Nessun incidente si e’ registrato invece al termine.